tre mesi ed un orto

ma buongiorno!! oggi vi racconto tutto quello che è successo in questi mesi nei quali non mi sono fatta sentire

normalmente a febbraio, sarà che finalmente aumenta la luce del sole, sarà che si inizia a sentire il profumo della primavera in arrivo con i primi cinguettii ed i primi fiori, io entro in dieta dimagrante ferrea per perdere quei, fortunatamente pochi chili presi durante le scorpacciate invernali Continue reading “tre mesi ed un orto”

il giorno più atteso: il befanone

eccoci qui a fare due chiacchere pe raccontarvi il giorno del befanone 2018, forse il più bello di tutti i 18 svolti fino ad ora

ho lavorato per un giorno e mezzo con il fantastico aiuto della mia cuochina prefetita, la mia cucciola, che ha svolto un lavoro da commis impeccabile ed assolutamente funzionale…ogni tanto mi cazziava per il mio disordine e poi come un fulmine riuscivaa trasformare tutta la cucina dandole una forma assolutamente linda… ha tagliato ed affettato 5 kg di cipolle per la genovese, pulito ed affettato una cassetta di carciofi…insomma senza di lei io sarei ancora li a preparare, tagliuzzare e sminuzzare. eccezionale: merita un applauso a scena aperta!

befanone 2018

il 6 gennaio non è solo la nostra festa del befanone ma anche la normale befana quindi i ragazzi sono arrivati qui comprensibilmente presto per vedere le calze e prendere un caffè insieme: devo dire che quest’anno a differenza proprio di tutti gli altri, io ero assolutamente rilassata, anche troppo ( all’una e mezzo mi sono accorta di non avere ancora messo sul fuoco l’acqua della polenta) però questo ha fatto si che ci godessimo anche queste poche ore tra noi, riuscendo perfino a fare un brindisi familiare giusto un attimo prima che iniziassero ad arrivare gli invitati…e poi…via!!!!!befanone 2018

come sempre i primi ad arrivare sono stati i ragazzi…armadi a quattro ante, famelici e pronti ad affrontare il tour de force… ragazzi che fraquentano questa casa da anni innumerevoli, credo che il primato sia di ganchi, figlio dell’amico genio di cui vi ho già parlato, che arrivò qui alla tenerissima età di due anni e mezzo… un frugolo biondo platino che si rotolava con l’artista altrettanto piccolo ed altrettanto biondo ( color del grano maturo, questo era detto dei suoi capelli)befanone 2018

da qui in poi tutto è stato un susseguirsi di cibo, risate, racconti, giocate a calcetto, bevute, fotografie, discoteca ( ebbene si, ho ballato anch’io divertendomi moltissimo, tra i ragazzi ed ovviamente con la loro musica, che non resterà sicuramente negli annali della grande musica ma che proprio ti impedisce di restare fermo) e poi ancora cibo, tutti in cucina, tra piatti sporchi e pentole piene, prendendosi in giro per la fame che ancora fa muovere le mascelle di questi magnifici quasi trentenni, giovani uomini sorridenti, sani, amicibefanone 2018

verso mezzanotte ho ceduto improvvisamente le armi, così come due secondi prima stavo chiaccherando cosi a quel punto tutta la stancezza si è appoggiata sulle mie spalle… saluto e sbaciucchio ( ne ho facoltà) tutti e mi faccio accogliere dalla frescura delle lenzuola

sapete a che ora sono andati via gli ultimi???? alle cinque!

la cosa più bella?

a fine serata seduti, anzi, quasi sdraiati sul divano della sala, un grande amico dell’artista mi dice:

lella, sta finendo la giornata, sono disperato…ora devo fare passare 364 giorni!!!!

e si…ci si è divertitibefanone 2018

 

ps: la dicitura A C nel menù è per le persone che non possono mangiare aglio e per i celiaci presenti…

qualche cambiamento per mettere ordine

sta cambiando qualche cosa, forse qualcosa in me oppure è solo arrivato il tempo giusto di mettere in ordine

a proposito di ordine…dopo 4 anni, ebbene si ho detto 4!!! ho messo davvero e totalmente in ordine la camera che era del saggio e che ora sarebbe il mio studio

più o meno

in effetti c’è la mia scrivania, ma anche un enorme calciobalilla, quello proprio dei bar, e la batteria del mio consorte

ma stiamo parlando di cambiamenti  qui, nel blog, o meglio in quello che io considero il mio viale si struscio, si un viale dove tutti possiamo passare e salutare chi desideriamo, in questo caso l’articolo che più ci aggrada o la chiacchera a cui desideriamo rispondere Continue reading “qualche cambiamento per mettere ordine”

sempre tua, Lella

Scusami!

Scusami blogghino mio adorato…ti ho voluto tantissimo, desiderato e costruito, ti ho coccolato ed aggiustato sulla mia persona… ogni volta che ti vengo a trovare mi brillano gli occhi e mi piaci sempre di più e… per lungo, lunghissimo tempo ti ho abbandonato!

coccole2

Piccole cose, un periodo di difficoltà ( niente di che, non preoccuparti, solo gastrite ma sai… parlando di cucina…) una battuta di un’amica” fai cose troppo pesanti, noi non mangiamo così” ma d’altra parte, non posso mica scrivere sulle scaloppine al limone o il pesce al forno… queste sono cosine più golose, scritte per rendere te goloso

poi i chili che spariscono( se non mangio per il mal di stomaco, anche i chili mi abbandonano) già ma a questo punto perché fare uno stufato o una zuppa di pesce se mangiando tonno ed insalata riempio la pancia che così non duole, e non ingrasso?

Ma oggi sento la tua mancanza! Vero, ho ripreso a cucinare un po’ ed ancora non ho ripreso a scriverti, a coccolarti

coccole4

 

blogghino mio dolcissimo mi dai ancora qualche giorno? Domani iniziano le ferie, sai che come ogni 31 luglio sarà una giornata particolare ma ti assicuro, giurin giuretta, che arrivo… manchi troppo

sempre tua

lella

ma come passa il tempo

 

si! è passato un sacco di tempo dall’ultimo articolo ( wow! mi sento quasi una giornalista…tra poco vincerò il pulitzer) ma non sono rimasta sul divano a guardare la televisione… ho studiato: ho fatto un corso sulla panificazione con farina di segale con elena lepetskaia ed uno sui grandi lievitati con giambattista montanari; ho imparato a fare il torrone morbido ed il nocciolato… sono andata il sicilia a festeggiare il mio anniversario, ed ho scoperto un paio di ristoranti qui a genova dove vale sicuramente la pena andare a mangiare Continue reading “ma come passa il tempo”

casa come cucina, cibo come amore

mi sembra giusto presentarvi la mia cucina, soprattutto ora in un raro momento di ordine

imageNon ho ancora capito come mai in cucina io soffra di horror vacui… tutto deve essere esposto, avessi ancora più posto troverei mille altri vasetti da riempire.. in realtà in questa foto non si vede bene ma ci sono postazioni di vasi antichi di vetro di altare con i risi più vari, altri con zuccheri,e poi le farine per continuare con legumi e cereali e… potevano mancare le spezie? ed i più svariati sali???

Continue reading “casa come cucina, cibo come amore”

nel mondo

sembra incredibile ma in queste due settimane ho fatto tante di quelle cose che quasi ne ho perso il conto…faccio mente locale ed inizio a scrivere…nel frattempo potrei parlare di quello che è accaduto nel mondo in due sole settimane

una cifra da spavento di persone che affogano nel nostro mare per scappare da luoghi di inaudita sofferenza,persone che desiderano per i loro figli e per se stesse nulla di diverso da quello che desideriamo noi ma hanno perso alla lotteria della nascita e quindi non hanno più accesso ai basici diritti umani

donne, sempre più donne che vengono umiliate, picchiate e sempre più spesso uccise dagli uomini che hanno creduto di amare e di essere amate e che invece confondono l’amore con la proprietà, il desiderio con il possesso e non sono in grado di elaborare un rifiuto, un addio ed ancora peggio che la signora possa vivere senza di loro: se io non ci sono tu non esisti

Continue reading “nel mondo”